Fra dodici giorni mi laureo. Ciao.

Oggi ho paura. Sto cercando d’imprimere bene sullo schermo questo concetto nella speranza che un po’ rimanga lì quando chiuderò il PC, e non mi segua. Mi sento un peso enorme sulle spalle, spalle che mi fanno costantemente male perché sto piegata a scrivere per ore senza contare i turni in Terapia Intensiva durante i quali soffro lo stress dell’attesa e l’incertezza costante. Non sta andando male, non è andata male sinora. E’ solo che non so se posso farcela, non mi sento pronta a balbettare di fronte a 200 persone che si beh insomma ho tipo scritto una tesi sul precondizionamento ischemico e voglio la mia corona d’alloro… La mia corona d’alloro. Scriverlo mi fa mancare il fiato e no, non è possibile che manchino solo dodici giorni. Perché per me è più grossa rispetto a come lo è per tutti gli altri? Perché nessuno ha fatto le storie che sto facendo io quando s’è laureato?
Mi rispondo, con un po’ di tristezza, che io non ho fatto altro. Ho letto, ho scritto tantissimo e ho amici splendidi, ma non ho fatto altro con lo stesso amore e la stessa passione.
Ecco perché ho tanta paura. Paura che non sia abbastanza, che ci sia un Professore-merda che mi darà 104, che cadrò sui tacchi o m’impappinerò di fronte a tutti. Ma sopra ogni altra cosa, paura di dimenticare qualcosa. E non vivermi il momento, perché giuro che non riesco a realizzare. E’ come se stesse succedendo tutto a qualcun altro, qualcuno che con me non c’entra proprio. Non sono io, non chiameranno il mio nome e non dovrò alzarmi e parlare a quel lungo microfono con almeno otto Docenti ad ascoltarmi e mio padre fra il pubblico. Mio padre.
Mi viene da piangere.
Non so di cosa ho bisogno.
Non ce la faccio a mettere in ordine la tesi adesso.
Vorrei che qualcuno mi portasse le sigarette e mi dicesse che andrà tutto bene, che mi aiutasse a raccogliere le idee. Non sono pronta e ho paura.

I am the girl you know can’t look you in the eye
I am the girl you know so sick I cannot try
I am the one you want can’t look you in the eye
I am the girl you know I lie, and lie, and lie

I’m miss world, somebody kill me
Kill me pills, no one cares my friends
My friend

I’m miss world, watch me break and watch me burn
No one is listening my friends, yeah

I made my bed I lie in it
I made my bed I die in it
I made my bed I lie in it
I made my bed I die in it

Cute girls watch when I eat ether
Suck me under, maybe forever my friends, yeah
I made my bed I lie in it
I made my bed I die in it
I made my bed I die in it…

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...