Sindrome apato-catatonica con deviazione schizoide Y correlata.

E’ deciso.
Rinuncio definitivamente  a qualsivoglia contatto intellettuale col genere maschile che superi il “Scusa, è libero questo posto?” e la ripetizione di Oncologia e Radioterapia.
E sai che c’è? Mi ci prende veramente bene.
Perché l’interagire in maniera umana non è proprio degli uomini della mia generazione. Non ci arrivano, è inutile. E a me pare ovvio e lapalissiano il mio agire. Immediato e di facilerrima comprensione, non ci vuole un master in scienze comportamentali, non ci vuole così tanta materia grigia per rispettare quelle che sono norme civili del vivere comune. Nelle relazioni, intendo.
Seriamente, non riesco a capire che problemi abbiano. Il linguaggio verbale s’è sviluppato per un motivo e sarebbe d’uopo saperlo utilizzare in modo da facilitare la comprensione dei reciproci intenti.

Che poi viviamo in un mondo fondamentalmente maschilista. Affermazione più che scontata, ma mi calza a pennello. A me piacerebbe andare a fare la spudorata in faccia a Tipo Carino X che vedo tutti i giorni e dirgli che lo trovo interessante e che vorrei approfondire i suoi accorgimenti(cit.) di fronte ad una birra. Che diavolo c’è di male a comunicare le proprie intenzioni e le proprie aspettative? C’è una vita sola tesoro, io non ho tempo per capire come ti senti, se c’hai probbbblèmi o se non c’hai testa o se c’hai una ex alla quale ancora pensi o se non sono il tuo tipo. O se sono booty call material. O se potresti amarmi e scappare con me a vivere in una casetta bianca coi fiori fucsia in Andalusia.
Non leggo mica nella sfera?

“Mi sono rotta il cazzo degli esperimenti, del ‘frequentiamoci’, però senza impegno…”

Tanto se c’è una thing fra due persone c’è e basta. Non dico dal primo giorno ma da quasi subito, quindi perché arrovellarsi? Perché andare di sofismi e pipponi?
E’ la cosa più elementare che si possa immaginare: io ti dico una cosa, tu rispondi in maniera logica e consequenziale. Invece…

“Dove vai?”
“…son cipolle!”

Mai proverbio fu più appropriato. Io stento a credere che tu, a ventordici anni suonati, abbia il coraggio di sfoderarmi un’espressione vacua che manco ti stessi parlando di fisica nucleare e di cominciare a tartagliare come un minus habens.
Il fatto che una chieda “cosa siamo?” non implica che voglia tre gemelli, uno steccato bianco ed un cane di nome Lucky col tizio in questione. Qualcuno dovrebbe spiegarlo o trasferire il gene dell’acutezza nel comprendere direttamente nel cormosoma Y.
Al contrario di quanto i Signori Uomini sono soliti pensare le signorine non programmano il suicidio ogni volta che vengono rimbalzate. Non pensano al colore dei fiocchi per le bomboniere quando dicono “vorrei vederti domani”. Non cacceranno un’ascia da combattimento fra goblin ad un loro “no”.
Ci vedono lì, già brandendo la scimitarra con la bava alla bocca quando chiediamo delucidazioni sugli stati delle cose. Che mica per altro, mi basta sapere che cazzo c’hai nella testa così passo al box successivo se non se ne fa di nulla, non ho intenzione di tirarmi da una scogliera alla prossima occasione utile.

Il loro essere ermetici, a tenuta stagna, autistici ed impediti socialmente genera in me e in altre decine di donne meravigliose(tutte single chiaramente) forte, fortissimo disagio.
Per cui suppongo che sarebbe carino da parte di lorsignori accettare le male parole e dispensarne senza paura al momento opportuno in modo da non farci sprecare energie e giornate a decifrare silenzi e facce amorfe, balletti vari in aula studio/piazza/Facoltà e mezzi discorsi interminabili.

Che poi è sbagliato pensare di non essere gradite, si rischiano granchi colossali. Perché NON SI ESPRIMONO. Possono amarti alla follia o volerti disperatamente portare a letto, ma non lo mostreranno. Per cui sta a te, giovane baldanzosa, proporti come l’ultima delle deficienti e vedere se qualche connessione interneurale si attiva in grazia di Dio. Se non altro per dire “no, piuttosto lecco la tavoletta del bagno di Gilles!”.
Non vi si richiede molto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...