Game of Thrones 2×04 REVIEW: “Inaspettato calo ma pur sempre awesome”.

Sono una pessima telefilm blogger.
In una notte d’insonnia sono riuscita a mettermi in pari con gran parte delle serie  al mio attivo, ma proprio per questo motivo le reviews non ci sono scappate se contiamo anche laurea, uscite e soprattutto Trashick.

La review di GoT però ci sta troppo dato che, come la buon’anima di Ned c’insegna, “winter is coming” o meglio “winter is coming BACK“, dato che ci sono venticinque miliardi di gradi sotto zero e sto gelando.
Bando alle ciance, e stavolta la tento ad andare personaggio per personaggio senza ulteriori preamboli, perché altrimenti dovrei partire troppo catastrofica con un discorso geneale, e non fa bene:

  • Tyrion Lannister e Joffrey Baratheron @King’s Landing

Ormai, mio adorato mostriciattolo, è chiaro anche ai muri che sei il migliore e sei stato reso il migliore anche nella serie volutamente.
Se al posto di questa gente che lavora bene ci fossero stati gli sceneggiatori di GG ti avrebbero dato il minimo spazio necessario avvantaggiando Cersei che per ora rimane fin troppo in ombra e per la quale pronostico un avvenire della serie noncelaleveremopiùdallepalle”.
Ma dimmi, nella tua perversa testolina di Imp, come fai a sapere sempre tutto? Secondo me con Lancel(esattamente come lo immaginavo peraltro) hai tirato a cogliere confidando nella sua palese idiozia ed ancora una volta mantieni un controllo eccezionale della famosa Lurida Gabbia di Matti meglio conosciuta come King’s Landing con magistrale sapienza.
Grazie a Dio in questa puntata non ci siamo sorbiti la tua dolce metà, resa molto più odiosa nella serie tv di quanto non lo fosse nel libro.
Meravigliosa la scena con Joffrey e ser Meryn:
“This is a threaten. See the difference?!”
Per quanto riguarda Joffrey la scelta per questa puntata a mio avviso risulta eccessivamente creepy.
“There’s no cure for being a cunt!”,
afferma giustamente Bronn, ma da cunt a pervertito molestatore ce ne passa e ce ne corre. E Joffrey non è questo. Nel libro Joffrey avrebbe mandato le due signore a spigare fra urletti a lanci di balestra a caso. Figurati se è un bastardo malato fino a quel punto, e poi diciamocelo, se volevo un film con scene di quella violenza psicologica mi guardavo un thriller, o Dario Argento o, parlando d’inquietante, Almodòvar.
Comunque.
Folletto —> non ho più parole, solo una cosa: ti amo. Voto 10
Joffrey —> voto difficile. E’ un perfetto Joffrey per il resto, si tratta di una scelta sbagliata degli autori. Un 5 di cortesia, solo perché lui è molto bravo.

  • Arya Stark e Tywin Lannister @Harrenal:

La fortezza maledetta di Harrenal compare per la prima volta nella sigla così come la città di Qarth.
Harrenal è esattamente come la si poteva immaginare.
E insomma, aspettavo i nomi dell’odio? Eccomi servita: ma Arya NON pronuncia i nomi dell’odio come me l’ero immaginata. Non ha la faccia scura, gli occhi fissi al cielo ed un’espressione fiera e severa. E’ rannicchiata su sé stessa come un uccellino e li sussurra con la sua vocetta da bambina. Mi sarebbe piaciuto un po’ più di pathos nel farglieli enunciare.
La scena della tortura dà parecchio fastidio ma è u fastidio “giusto” ed adeguato per far capire il livello umano proprio della fortezza, che sarà la casa di Arya ancora per un po’.
E Papino Mufasa aka Tywin? Secondo me è la maestosità fatto persona e mai attore fu meglio abbinato ad un ruolo. A vederlo irrompere a cavallo nella fortezza pare proprio di sentire un ruggito che si avvicina…

  • Catelyn Tully/Stark, Peter ‘Littlefinger’ Bealish, Renly Baratheon, Stannis Baratheon, Davos Seaworth e Melisandre @ Capo Tempesta:

Sull’accordo Cat/Baelish ancora poco di esplicito, Cat piange sulle ossa del marito che per la ventordicesima volta viene definito honorable man – pace all’anima sua, era il mio personaggio preferito prima che GRRM me lo schiantasse senza tanti complimenti – e quell’altro le ripete per quella che ritengo sia l’ottantacinquesima volta che la ama e sti grandissimi cazzi. La lasciamo piangente sulla scatoletta delle ossa.
Stannis e Renly, non paghi della loro verve sinora incontenibile, indicono un’ancora irrisolta riunioncina di famiglia giusto giusto prima di far caricare la Donna Rossa su una barchetta col povero Seaworth, al quale non basta l’appellativo di Cavaliere della cipolla, gli tocca anche portare quella specie di Bestia di Satana a sgravare. E, manco a dirlo, partorisce una sorta di demonio nero avvolto in una coltre di fumo che sembra il feto di Voldemort in HP e il calice di fuoco. Seaworth in quella scompare dentro una nicchia inorridito da cotanto sbraitare e sgravare(secondo me il pensiero di Stannis che lo concepisce è molto peggio…).
Il dialogo non è per niente brillante tralasciando il face to face Baelish/Margaery:
“Oh ma il tu marito è frocio, si sa tutti eh!”
“Fatti i cazzi tuoi!”
…più o meno esilarante così.
Stannis —> voto 6, ma solo perché poverino è proprio insulso ai fini della trama.
Melisandre —> la notte è scura, infatti spero tu non ci veda e picchi una bella craniata da qualche parte. Voto 5.
Littlefinger —> 8. Come sempre si fa a suo modo. Tranne quando c’è di mezzo il Folletto ovviamente!
A tutti gli altri 6 politico.

  • Deanerys Stormborn Targaryen e Ser Jorah Mormont @ Qarth:

La Nata dalla tempesta è concepita per stupire nel suo misto fra fervore quasi adolescenziale ed autorità data dal nobile nome e dalla presenza dei tre draghi.
Insomma, nella città più bella, antica e potente nel bel mezzo della Desolazione Rossa non è da tutti riuscire ad incantare i Tredici ed entrare a banchettare senza uno straccio di prova. E brava Dany, hai battuto un po’ i piedini, minacciato fuoco e sangue(brillante originalità!) e ce l’hai fatta. Aspetto con ansia i suoi sviluppi più psicologici che nei fatti, c’è una grande crescita in lei.
Daenerys — >7 solo perché m’hai sbraitato un po’ troppo. Il Folletto ci sarebbe riuscito in tre parole dette bene.

  • Robb Stark e “Talisa” @ nonmiricordodove:

Io non mi ricordo chi lei sia. Da Facebook pare che fosse una tal Jeyne della quale poi Robb s’innamora, ma è passato del tempo e francamente non mi ricordo la vicenda.
Gli Stark restano i capisaldi morali della favola fino alla fine e si sottolinea la loro onestà in ogni piccolezza. Bella metafora della vita fra l’altro dato che me li schianta tutti uno dopo l’altro.
Robb — > 8, e levati la faccia da marpione. C’è una guerra là fuori!

Ecco chi mi è mancato un casino: Jon Snow. Nella 2×05 prevedo un’overdose di lui, Cersei e piovrucce, che stavolta me l’hanno un po’ messi da parte.

Giudizio complessivo: meno entusiasta delle altre volte. Più lenta, dialoghi meno brillanti e scarsa aggiunta al carattere dei personaggi. Spero sia solo una puntata così, tipo filler anche se filler non è…

Vediamo di non mandare tutto a carte quarantotto,  signori sceneggiatori.
Alla prossima!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...